Godless, una serie perfetta

Quasi non volevo parlarne, di Godless. Non perché sia una serie brutta o irrilevante, anzi. A mio parere Godless è stata la serie migliore del 2017 (insieme a Blood Drive, per opposti motivi, e a The Deuce, per motivi diversi), così perfetta che non c’è quasi nulla da dire.

Siamo nel 1884, una banda composta da una trentina di malviventi mette a ferro e fuoco una cittadina di frontiera, massacrando tutti gli abitanti. È la banda di Frank Griffin, un ex predicatore con una sua particolare idea di religione. È sulle tracce del suo ex-braccio destro e figlio adottivo Roy Goode, che lo ha tradito e derubato.

Roy è bravissimo con la pistola ed è astuto come solo chi è cresciuto randagio: i genitori assassinati dai banditi, prima accolto in un convento piuttosto sui generis, poi preso sotto l’ala protettrice di Frank.

Il luogo in cui finisce per rifugiarsi è La Belle, piccolo centro minerario dove tutti gli uomini sono morti in un incidente in miniera. Sono rimaste le donne, uno sceriffo che sta diventando cieco e il suo giovane aiutante. Bastano e avanzano.

godless-michelle-dockery-merritt-wever

È una classica storia del West, Godless: uno straniero arriva in città. Porta guai, ma alla fine porta anche una diversa consapevolezza.

Scusate se mi ripeto: su questa serie c’è poco da dire. La trama è perfetta, non delude mai. La recitazione è perfetta, sono tutti bravissimi. Il montaggio è perfetto, la colonna sonora è perfetta, la fotografia è perfetta. La regia è stupefacente.

È tutto semplice, tutto funziona perché è nel punto giusto e al momento giusto. Tutto regge.

Immaginate un classico western di John Ford, però girato ai giorni nostri. Questo è Godless.

La sua classicità è quel che lo rende solidissimo: niente buchi di sceneggiatura, qua, signori. È una storia fatta come si facevano una volta, per bene. Le vicende si dipanano con ordine davanti ai nostri occhi. Non ci sono inutili spiegoni, ma non si sorvola neppure su delle cose importanti. Tutto ha il suo senso, tutto ha un perché, anche i silenzi. Specialmente i silenzi.

La sua modernità è nel prendere le classiche tematiche della frontiera ed esplorarle da nuovi punti di vista.

Il western è sempre stato un genere mascolino, virile. Se pensi a “un uomo vero” come fa a non venirti in mente John Wayne? Godless prende quella cosa lì, quella magia lì, e le aggiunge una prospettiva moderna. È un western classico, raccontato anche dal punto di vista delle donne, che non sono messe lì come tante figurine, ma che agiscono, interferiscono e prendono in mano le cose se necessario. In modo misurato, pacato, senza strane bizzarrie. Godless non è Suffragette West. Non è la storia di un gruppo di eroine. È la storia di un tizio che sa sparare bene e non sa leggere che finisce in un posto dove le donne hanno dovuto imparare a fare i carpentieri… e l’hanno fatto senza tante lamentele, perché nel mondo in cui vivono sopravvive chi si adatta. E ad alcune mancano i mariti morti, ad altre no, ma comunque vanno avanti in buon ordine, chi con grazia, chi con rancore.

Godless è la storia di una grande caccia all’uomo, di bambini feriti che sono diventati adulti pericolosi, di occasioni perse e del senso della vita. Perché nel West c’è tanto di quel cielo che come fai a non chiederti dov’è finito Dio?

mv5bmja3ntexnjmxn15bml5banbnxkftztgwmzg3oti5mzi-_v1_

Come dicevo, gli interpreti sono tutti all’altezza dei loro personaggi non comuni: Michelle Dockery (la sorella stronza di Downton Abbey, qua con un perfetto accento americano), indurita dalla vita; Jack O’Connell (britannico anche lui, già visto in Skins e Unbroken), che vorrebbe essere buono, ma non sa come si fa; Scoot McNairy, lo sceriffo che più che riscattarsi vuole fare la cosa giusta; e via- via, fino a un grandioso Sam Waterston nel ruolo del vecchio segugio. Un cast dove non emerge nessuno, perché tutti funzionano alla perfezione.

Quindi, che altro c’è da dire su Godless? Se non l’avete visto, guardatelo. Sono sette puntate, non ci sarà un seguito (ed è giusto così, vedrete), e c’è una scena, nell’ultimo episodio, che rappresenta tutto l’epos del West… e una rivisitazione di un classico che vi darà i brividi.

Fidatevi di me. Sono sette puntate che vi si incideranno nella mente e che faranno alzare la vostra asticella delle pretese quando guarderete il prossimo action movie con la telecamera che schizza in tutte le direzioni senza raccontare nulla.

Forse è questo l’unico difetto di Godless: è così perfetta che diventerete schizzinosi.

Annunci

Napoli velata, peccato.

Non so perché, ma Özpetek mi rendeva sempre sospettosa. Ricordo quando vidi il suo primo film, Hamam. Mi piacque molto. La seconda sua pellicola per me fu Le fate ignoranti ed ero già sospettosa, chissà perché. Come se l’idea che fosse buono quanto il primo non mi convincesse del tutto. Mi piacque ancora di più.

Da quel momento i film di Ferzan Özpetek li ho visti quasi tutti, sempre entrando al cinema con un certo sospetto e sempre uscendo soddisfatta. Non sempre allo stesso modo, questo è vero, ma anche i suoi film più deboli, in qualche modo, erano meglio di quanto mi aspettassi.

I difetti che molti gli imputavano – di essere un Almodovar edulcorato e “buono”, di fare sempre lo stesso film, l’eccessiva teatralità – per me non erano difetti, ma sue caratteristiche, che non incidevano in modo negativo sulla mia esperienza. Anzi, mi piacevano.

Ma veniamo a Napoli velata. Forse per la prima volta, sono andata a vedere Napoli velata senza sospetto. Il trailer era coinvolgente e l’ambientazione non poteva deludere.

Invece un po’ delusa lo sono.

Non è un brutto film, intendiamoci, ma ha un problema importante: lascia intravedere che avrebbe potuto essere un capolavoro. E non lo è.

In alcuni punti è fuori fuoco, ci sono dei passaggi gestiti in modo sciatto.

La trama è un po’ confusa, ma non lo considero un difetto. Durante il tradizionale “parto dei femminielli” Adriana (Giovanna Mezzogiorno), anatomopatologa, viene sedotta da Andrea, un uomo più giovane molto sicuro di sé. I due passano insieme una nottata travolgente e lui le dà appuntamento il giorno dopo, lasciando intendere che sia interessato a frequentarla. Ma non si presenta all’incontro, e Adriana ne è molto delusa. Il giorno successivo, esaminando il cadavere di un ragazzo trovato ucciso e brutalmente privato dei bulbi oculari. Adriana riconosce proprio il suo amante.

La vicenda ruota attorno diversi fuochi: la famiglia/tribù di Adriana, le indagini e il “fantasma” di Andrea. Perché a partire dal secondo giorno dalla sua morte, Adriana comincia a vedere per la città un uomo uguale ad Andrea, che però le sfugge. Non dico altro per non rivelare troppo, ma questa storyline evolve ulteriormente.

Il film parte benissimo. Intendiamoci, se vi piace la pornografia (a me piace). I primi dieci minuti sono il tanto favoleggiato, e mai davvero realizzato, porno d’autore. C’è [SPOILER!] una fellatio, un cunnilingus, un rim job, un classico rapporto vanilla e un anal [FINE SPOILER]. Girato benissimo, con un po’ di coraggio in più si poteva far diventare hard sul serio, visto che gli mancano solo le riprese dirette delle penetrazioni per fare faville su XHamster.

E questo non è un difetto, eh. Questa è la parte in cui pensi: questo film sarà favoloso. La scena del parto del femminiello, seguita da dieci minuti di sesso girato in modo magistrale.

Ma finito il sesso, finita la pacchia.

mezzogiorno5

Tre focus, dicevamo.

Il primo – la famiglia, la tribù, le radici in una Napoli affascinante e carnale – è forse quello meglio riuscito, perché più congeniale al regista e anche grazie alla presenza di un grandioso Peppe Barra nel ruolo dell’amico di famiglia e di una Anna Bonaiuto, sempre brava, in quello della zia Adele. Ma in qualche modo, nonostante sia la parte più riuscita, anche qua l’impressione è costantemente che il film avrebbe potuto essere di più, che sia sempre sul punto di decollare e non lo faccia mai. Sugli aspetti più folkloristici di Napoli – della Napoli dell’arte antica ed esoterica che mostra – Özpetek passa in modo quasi frettoloso. Solo sulla scena iniziale del parto del femminiello si sofferma per il tempo giusto, lasciando che l’impressione maturi nello spettatore, mentre sorvola svogliatamente sulla tombola degli anziani femminielli (una scena che aveva le carte in regola per essere davvero potente) e risolve in modo un po’ democristiano quella della veggente/santa.

Forse il problema è l’affollamento di temi. La Napoli più carnale e misterica, i drammi di famiglia e un pantheon di personaggi solo accennati, come le due “parche”: un’Isabella Ferrari dallo sguardo vitreo e la sua compagna Lina Sastri, che recita le sue battute come fossero i responsi di un biscotto della fortuna. In quanto all’amica Catena (Luisa Ranieri), il suo personaggio è così utile che avrebbe potuto essere tranquillamente assorbito da quello di un’altra interprete.

E io capisco che Özpetek volesse creare una sorta di coro da teatro greco al femminile, davvero, ma è un intento che resta solo velleità. Manca sempre un pezzo. Manca sempre una voce.

Una volta le pellicole costavano un sacco di soldi e ogni minuto di ripresa era un azzardo economico. Ecco, nella Napoli velata sembra di essere tornati a quei tempi. Molte scene sembrano riassunti.

123635173-fb9486ac-056d-4151-8884-948415abaed3

Forse per via dello spazio richiesto dal primo focus, il secondo, le indagini, è compresso all’estremo e lasciato cadere con un paio di frasi verso la fine del film. Intendiamoci, abbiamo capito che il film non è un poliziesco, ma se inserisci un mistero forse è il caso risolverlo in qualche modo, o almeno di creare un vero senso di mancata chiusura. Sembra invece, che Özpetek semplicemente se ne dimentichi, o non lo consideri poi così interessante. Maria Pia Calzone, solitamente ottima attrice, qua ci dona un’interpretazione da fiction TV. Il suo vice Biagio Forestieri non se la cava molto meglio. I personaggi sono abbozzi di abbozzi. Su tutto aleggia un sentore di pessima RAI.

Per concludere, il focus sul “fantasma”. Sarebbe la parte introspettiva del film, ma forse Giovanna Mezzogiorno per prima non l’ha capito, visto che per lo più guarda in camera con una domanda inespressa negli occhi: “Che cosa dovrei fare, qua, io?”

Unita all’interpretazione tristissima di Alessandro Borghi – che sembra uscito di fretta da Don Matteo – capirete come questa parte non solo non decolli, ma prenda la rincorsa, inciampi e rotoli a terra con un clamoroso tonfo.

Del film poi si salvano tanti piccoli momenti, mentre ce ne sono altri che lasciano un po’ perplessi. La scena del branco di ciechi, per dire, che sarebbe stata benissimo in un film di Sorrentino, ma che qua è piuttosto estemporanea.

Il finale è frettoloso, fuori fuoco, e questo è forse il principale difetto del film. Invece di chiudere alzando il livello emotivo, finisce in un borbottio indistinto. “Scusate, mi aspettano a cena. Ne riparliamo, eh?”

Peccato, perché, come ho già detto, Napoli velata poteva essere un film grandioso, mentre è solo un film interlocutorio nella carriera di Özpetek.

E suppongo che la sua prossima pellicola tornerò a guardarla con un certo sospetto.

La Casa de Papel (La casa di carta), la prima metà della prima stagione, no, della prima stagione e mezza. Facciamo un po’ di chiarezza.

9rfniwt8Un tizio dall’aria mite che si fa chiamare il Professore prende otto criminali dai vari talenti e li assolda per il colpo del secolo: rapinare la Zecca di Stato… o meglio, barricarsi dentro la Zecca per una decina di giorni con una settantina di ostaggi e far girare le rotative a pieno regime, poi andarsene con il prodotto della propria fatica.

Un piano preciso al dettaglio, una stangata in cui ogni possibile eventualità è stata prevista e calcolata, un progetto a orologeria in cui tutto si incastra.

Tranne un piccolo dettaglio.

Quale sarà questo dettaglio, cari amici?

Una storia d’amore? Non mancano.

Un tradimento interno? Tutti se li aspettano.

Un errore umano? Quelli sono sul quaderno del Professore dal giorno uno.

No, il vero, fatale errore è Netflix.

Seguitemi con attenzione, perché un colpo nella Zecca di Stato è un’inezia, rispetto alle complicazioni che hanno creato quelli della nota emittente in streaming.

La Casa de Papel inizia a uscire in Spagna a maggio dell’anno scorso (2017). È composta di 15 puntate da 70 minuti. Va in onda fino a novembre, con un’interruzione estiva.

Ragionevole.

Ma per Netflix prendere le 15 puntate e trasmetterle è troppo semplice. Dov’è l’avventura? Che fine fa la suspense?

E, specialmente, come faranno i limitati telespettatori del resto del mondo a sopportare puntate da 70 minuti, dato che hanno lo span attentivo di tanti pesci rossi? (Grazie.)

Quindi prendono i primi 9 episodi e li rimontano, in modo da creare 13 puntate sui 50 minuti. Suppergiù. La serie si presta, perché in effetti è un flusso continuo di eventi.

E poi?

E poi niente. Arrivati alla 13esima puntata (la nona in originale), la serie si ferma. In pratica da una stagione ne creano due, con in mezzo un cliffhanger che non è un cliffhanger: è la Fossa delle Marianne.

Quando uscirà worldwide la seconda metà della serie? Mistero. (Sentitevi liberi di canticchiarlo con la voce di Ruggeri.)

706

Ora, attenzione, di mosse spregiudicate ne abbiamo viste, e capisco che per doppiare in un tot di lingue e fare tutto quel taglia-e-cuci un po’ di tempo ci voglia… ma in questo caso è uno zinzino eccessivo.

Ecco perché:

La Casa de Papel è una serie basata sul ritmo. Gli interpreti sono medi, niente prove da actor’s studio, la trama è già vista e rivista, i colpi di scena non sai quando arriveranno ma sai già che arriveranno. Ci sono momenti in cui ti cadono le palle perché qualcosa supera di brutto il livello massimo di sospensione dell’incredulità di chiunque, compresi i bambini piccoli. Ma tutto funziona perché è montato da Dio, girato da Dio e ha un ritmo che ti tiene incollato allo schermo e ti fa gridare “datemene ancora!”

Poi ti levano il giocattolo. Hai tempo di pensarci. Ti ricordi che in realtà nessuno dei rapinatori ti sta davvero simpatico, ti rendi conto che delle loro avventure non te ne frega poi molto, ripensi a tutti i momenti di imbarazzo involontario, a tutte le espressioni basite (F4) e rifletti sul fatto che no, (SPOILER!) nessuno ha voglia di scopare con una pallottola in una gamba, con la possibile eccezione dei film con Rocco.

Peggio ancora, inizi a farti delle domande sulla svalutazione, perché, insomma, se uno stampa due-trecento milioni di Euro in più del normale… che cosa ne penserà Draghi? Che cosa dirà la BCE? (FINE SPOILER)

Mentre aspetti la seconda stagione, o il terzo terzo della prima, escono delle altre serie più fighe, serie fatte bene sul serio, tipo Godless. Escono Mosaic, McMafia e The Alienist. Escono Altered Carbon, Castle Rock, The First, The Balld of Buster Scruggs (noi tutti adoriamo i Coen) e persino Krypton, per quelli a cui interessa. E poi ci sono tutte le stagioni successive delle serie che già seguivamo. Siamo onesti, vedere telefilm ormai è quasi un mestiere, non ci pensiamo proprio a rimanere indietro.

E così… addio terzo terzo di Casa de Papel. Se Netflix non avesse scazzato il timing forse avremmo persino saputo come andava a finire.

Appunti sparsi su “I ricordi degli specchi” (commissario Sensi 4), Wattpad, gli autori e la nuova editoria

I RICORDI DEGLI SPECCHI COVERLascio qua questi appunti, scritti in diversi momenti alla fine dell’anno scorso, perché credo che così sarà più facile ritrovarli se in futuro mi servissero – e anche perché potrebbero essere utili a qualcun altro.

Scrivevo, prima di decidere di pubblicare integralmente, gratis, il mio ultimo romanzo, I ricordi degli specchi, su Wattpad:

Sto riflettendo. O insomma, qualcosa del genere. Riguarda i miei libri, sarà un po’ lungo (qua è dove vi do l’opportunità di scorrere serenamente al prossimo meme).
Prima riflessione, che è più che altro un ricordo. Quando vinsi il concorso IoScrittore mi chiesero a chi avessi mandato in precedenza il manoscritto (L’ombra del commissario Sensi) e io risposi: “Mah, a qualche piccolo editore. Uno mi ha risposto subito, ma voleva cambiare il finale”. E quello che poi sarebbe diventato il mio editore, Luigi Spagnol (non lo taggo per non rompere, ma non è che questo sia uno status segreto) disse qualcosa come: “è indicativo che i giovani scrittori in prima istanza non si rivolgano alle grandi case editrici”. Ecco, sì, un po’ indicativo lo è.
Seconda riflessione. La mia avventura editoriale con Salani direi che è finita. Non intendo essere recriminatoria, Salani è una signora casa editrice, ma suppongo che non combaciasse più con le mie aspettative. E viceversa, è ovvio, e viceversa. Non fate domande con l’intento di spingermi a lagnarmi o a parlare male di loro, perché non vi rispondo.
Terza riflessione. E’ un tot che lo so. Ma chi mi conosce ha presente quanto io sia lenta nelle mie cose. Non nell’esecuzione, in cui anzi sono piuttosto veloce, ma nella progettazione e nel decidere come procedere. Infatti sto ancora meditando.
Quarta riflessione. Ho scritto un nuovo libro con Sensi. Prima di quello ne ho scritti altri due, senza Sensi; uno di quasi 700 pagine che non pubblicherà mai nessuno e un altro più piccolino. Ma restiamo su Sensi. Non so se rivolgermi a un editore. O meglio, *mi sono* rivolta ad alcuni editori, ma non so se è davvero quello che voglio.
Quinta riflessione. L’altro giorno leggevo un post di Amanda Fucking Palmer – che è un’artista eccezionale, con un seguito mondiale, che fa cose incredibili, favolose, ed è il genere di persona che mi rende orgogliosa di appartenere alla razza umana. Questo solo per dire: la stimo, ma non sono la sola. La stimiamo in milioni. Ecco, lei diceva qualcosa come: “alla mia ultima canzone la stampa ha risposto con il silenzio, forse perché sono senza un’etichetta discografica”. La sua ultima canzone è una cover di Mother da brividi. Diceva Amanda Palmer: “Se non fosse per Patreon ora sarei fottuta”.
Sesta riflessione. L’antologia che ho autoprodotto quest’estate, Perduti Sensi, sta vendendo di più del mio ultimo libro con Salani, L’architettura segreta del mondo. Nelle mie intenzioni doveva essere una tiratura limitata di 221 copie, ma ho dovuto farne subito una seconda tiratura. E’ SENZA distribuzione. Totalmente senza. La seconda edizione cartacea si può comprare solo su Amazon, l’ebook si può comprare ovunque (santi ebook), ma perlopiù sono io a portarmi le copie alle presentazioni o a spedirle a chi me le chiede. Ci ho guadagnato decisamente di più che dal mio ultimo romanzo con Salani – e non era neppure mia intenzione. Autoprodurlo è stato un sacco faticoso, e un sacco divertente. Ecco, un po’ indicativo credo che sia anche questo.
Settima riflessione. Ci sono piattaforme tipo Bookabook che consentono di finanziare in crowdfunding il proprio libro e distribuirlo nella grande distribuzione. Non so quanto bene. Non so se i libri distribuiti da Bookabook (o da altri) finiscono nello scaffale “seghe” o se finiscono in un luogo dignitoso. A quanto ho capito il concetto è che tu metti il libro sulla loro piattaforma e loro lo pubblicano se ricevi un sufficiente numero di preordini/sovvenzioni dai tuoi supporters. A quanto ho capito hanno anche editor, correttori di bozze e via discorrendo. A quanto ho capito (ma poi ho capito?) hai il massimo della libertà creativa e il minimo di scocciature. Detto così sembra troppo bello per essere vero, quindi non lo sarà.
Ottava, ultima, riflessione. Dovrò pensarci ancora un po’. Scusate, sono lenta. Non riesco ad affrettarmi, su certe cose. Se avete idee o suggestioni vi prego di lasciarle qua sotto e NON di mandarmi messaggi privati. I messaggi privati servono solo a me, le discussioni pubbliche possono servire a tutti.
Se avete letto fin qua siete già eroi.

E in quanto al libro stesso:

Ho parlato un sacco del “come”, ma ho ancora detto poco del “che cosa”. I ricordi degli specchi è un libro abbastanza lungo. Parte allegro e ci sono molte parti in cui fa ridere, ma è una delle cose più dure che io abbia mai scritto. E’ involontariamente attuale. “Involontariamente” perché ho iniziato a scriverlo tempo fa, ma le tematiche che tocca tengono banco quotidianamente sui giornali.
Penso che sia uno dei miei lavori migliori, ma poi che ne so? Mi sembra così ora.

E infine sul perché ho scelto Wattpad:

Diverse persone mi hanno chiesto perché io stia mettendo gratuitamente il mio nuovo libro su Wattpad, quando avrei potuto almeno pubblicarlo a pagamento come ebook. È una domanda logica, che richiede una risposta un minimo articolata.
In breve potrei rispondere: quello che voglio, in questo momento, è aumentare il numero dei miei lettori. È vero, ma non è tutto. Per me avere più lettori ha un valore pratico (più lettori = più futuri acquirenti), ma se la cosa si limitasse a questo è probabile che mi occuperei di qualcosa di più vendibile. Non so, le frittelle. Le frittelle hanno sempre pubblico.
Per me aumentare il numero dei lettori è un modo per continuare con “la cosa più divertente che si possa fare da soli”, come diceva Terry Pratchett: scrivere. Scrivere roba divertente, che sia anche una riflessione su quello che ci circonda. Non un esercizio solipsistico, ma qualcosa che coinvolga (anche) le persone.
Pubblicare I RICORDI DEGLI SPECCHI a puntate su Wattpad mi consente di fare proprio questo: coinvolgere le persone. Interagire con i lettori. Ascoltare le opinioni, cogliere i suggerimenti, ragionare insieme. Poi la parte della scrittura la faccio io, è ovvio. Scrivere è pur sempre un atto personale e solitario. E capisco gli scrittori che si mettono in esposizione da qualche parte e poi restano fermi come se posassero per un ritratto. Ci ho pure provato; per lo più non è successo niente. Niente di interessante, comunque.
Quindi… ecco, il piano è questo. Coinvolgere persone.
Il modo più semplice e adulto per farlo mi sembra dire: “Okay, questo è il mio lavoro. Secondo me è parecchio buono, ma giudicate voi. Potete leggerlo gratis. Se vi piace lasciate una stellina. Se vi piace condividete quello che avete letto e fatelo conoscere a qualcun altro. Se non vi piace, amici come prima”. Non è una gran strategia di marketing, è vero. È come se alla TV vi chiedessero di mangiare quei certi biscotti perché sono buoni, non perché li cucina Banderas… ma in fondo le storie non sono biscotti e penso che non tutti trovino irresistibile l’idea di un attore hollywoodiano che parla con le galline.
Quindi… è uscito un altro capitolo de I RICORDI DEGLI SPECCHI, il nuovo romanzo con il commissario Sensi. È il quinto capitolo di venti. Potete leggerlo gratis qua:
Se vi piace, mettete una stellina al capitolo. Se vi va, fate sapere a qualcun altro che il libro esiste. Ho una pagina FB personale, questa, una pagina autore, questa, e un sito, questo: www.susannaraule.com
Potete seguire gli aggiornamenti su ognuna di queste pagine e su Wattpad.

 

 

Dark – serie tv

Anno 2019, un paesello in mezzo alla foresta dove ben pochi di noi vorrebbero vivere. Alberi, alberi, alberi senza fine come un mare verde cupo e, proprio nel mezzo, la ciminiera bianca e fumante di una centrale nucleare. Tipo Twin Peaks, ma senza picchi. Tipo Hawkins, ma con uno scroscio di pioggia ogni quarto d’ora circa. Uno scroscio di pioggia che tutti sembrano ignorare.

Non sono gli scrosci di pioggia, tuttavia, la cosa più inquietante di Winden, la cittadina in questione. Nel bosco c’è imboccatura di una grotta da cui provengono strani rumori, uno strano vento. Inoltre… spariscono le persone, meglio se bambini o ragazzini.

Il valore immobiliare delle case, a Winden, dev’essere ben misero, tra pioggia, centrale nucleare e sparizioni, tanto più che c’è stata una scomparsa anche 33 anni prima, e anche in quel caso era un ragazzino.

Collegate tutti i puntini tra loro, adesso: piccola città, ogni famiglia ha un segreto, buco misterioso nel bosco, losco impianto governativo tra le frasche… sì, be’, ne convengo: messa così non è il massimo dell’originalità. Il titolo alternativo della serie, addirittura, è “I Segreti di Winden”, non so se vi ricorda qualcosa.

Ma fermarsi all’apparenza sarebbe un peccato, perché gli elementi di cui sopra, nel corso della storia del cinema e della televisione, hanno dato un numero sorprendente di prodotti sempre diversi e spesso buoni ed è il caso anche di Dark. Per di più Dark non è solo questo.

dark_us_jpg_400x0_crop_q85Lasciatemi elencare qualche differenza:

Noi spettatori scopriamo quasi subito dove sono finiti i ragazzini. Non lo considero uno spoiler, dato che è il tema della serie, ma se siete degli integralisti delle anticipazioni non leggete la frase seguente: i ragazzini hanno viaggiato nel tempo, in qualche modo passando dalla grotta. Quindi Dark non è una serie sovrannaturale in senso stretto, quanto di fantascienza. E i paradossi temporali tornano tutti, ho controllato.

– Per quanto a un’occhiata superficiale Dark sembri “Twink Peaks incontra Stranger Things” alla fine è piuttosto diverso da entrambi. È una serie europea, e come tale ha un modo diverso di affrontare le cose. Per intenderci, è più vicino a Broadchurch che ai suoi cugini americani (a entrambi, nella loro diversità).

– Come molti prodotti europei, ha dei difetti europei. Gli americani su certe cose sono tutti precisini, noi sorvoliamo un po’. Per esempio, se scompare un ragazzino, nel mondo reale, sul paesello calano giornalisti a frotte e squadre investigative d’élite, esperti criminologi e turisti in cerca di brividi. A Winden no. A Winden ogni tanto parlano della cosa alla radio, tra il meteo e lo sport. Fine. Delle indagini si occupa la scalcinata polizia del luogo, uno dei cui membri è anche il padre del bambino scomparso. Solo dopo un tot di giorni a qualcuno viene in mente che forse, sì, è il caso di sollevarlo dalle indagini.

Ma il difetto più grande è che, con un sistema di grotte a due passi dalla città e due ragazzini scomparsi, non venga organizzata una ricerca sistematica nelle grotte stesse, la polizia non cerchi mappe ed esperti di grotte a cui chiedere e così via.

Vi sembrerà un difetto grave – e bisogna ammettere che lo è – ma cercate anche di immaginare che cosa sarebbe diventata la storia se le grotte fossero state esplorate dalla puntata numero uno: Stargate. Credo che l’orrore supremo di una tale prospettiva sia quello che ha impedito agli sceneggiatori di affrontare la cosa in modo più sensato.

Ci sono poi mille altri piccoli problemucci. Insensatezze di poco conto, ma comunque irritanti.

Questo per dire: Dark non è perfetto, tutt’altro.

Se siete dei tipi pignoli, vi infastidirà.

Quindi, riassumendo, Dark non è poi così originale e non è priva di imperfezioni. Perché vederla, quindi?

dark-serie-tv-detesca-netflix

Il motivo principale sono i personaggi e come si muovono all’interno di un racconto dal ritmo ipnotico, che ti trascina al suo interno malgrado tutto.

Il padre del ragazzino scomparso, un ex bulletto a cui 33 anni prima è scomparso anche il fratello, e il suo fallimento esistenziale: una moglie, un’amante, la vita che l’ha messo sotto come un tir da dieci tonnellate. Il giovane Jonas, il cui padre si è ucciso senza un perché lasciandolo privo di punti di riferimento. Il vecchio Helge che vaga nel bosco biascicando parole senza senso, che un tempo è stato un Helge più giovane, e un Helge bambino… e quasi sempre ha sbagliato qualcosa. Qualcosa di grave. Regina e il suo rancore; nonna Ines e il suo segreto; Magnus, e Martha, e Franziska, e tutti gli altri adolescenti che sono pur sempre adolescenti. Charlotte, la poliziotta metodica, e suo marito Peter, dai molti fantasmi.

È una galleria di personaggi reali, vibranti, dalle belle facce come scolpite nel legno, dai giacconi sempre lucidi di pioggia.

dark-netflix-003

E Dark è una serie imperfetta e affascinante, che limita il facile citazionismo al minimo sindacale, che è tedesca ma non ha la classica fotografia piatta tipica dei telefilm tedeschi più noti, che fa la sua cosa senza preoccuparsi dei precedenti e che, passato un po’ di tempo, scopri che ti ha lasciato un sapore buono in bocca, un sapore complesso e strutturato da rosso corposo.

Se cercate uno Stranger Thing, non cominciate nemmeno. Se volete un altro Twin Peaks, cercatelo altrove. Dark, alla fine, riesce nell’impresa più difficile: essere solo Dark.

10 fumetti da leggere se non avete mai letto un fumetto (prima parte)

Qua nelle retrovie abbiamo l’ambizione di collegare e raccordare i vari quartieri della città della letteratura. Per questo ho pensato di scrivere un pezzo dal titolo accattivante su dieci fumetti che probabilmente vi piacerà leggere se non avete mai letto un fumetto.

Per prima cosa, che vuol dire non aver mai letto un fumetto? Almeno un Topolino l’abbiamo letto tutti. Un Dylan Dog, un Tex, un manga qualsiasi…

Quello che intendo è: se non avete mai scelto di leggere un fumetto. Se non avete mai comprato o preso in prestito un fumetto con le stesse aspettative che avreste avuto per un romanzo.

Ecco, se volete allontanarvi dal grande e popoloso quadrante cittadino delle storie senza immagini… dove potreste andare?

Ho deciso di usare come punto di partenza questa classifica, piuttosto vaga, dei maggiori successi editoriali degli ultimi anni per suggerire un titolo a fumetti per ogni titolo di romanzo (o di ciclo di romanzi). Non ho tenuto conto dei manuali e delle altre opere non-fiction, con un’eccezione, e delle ripetizioni (diversi romanzi di uno stesso ciclo).

Ovviamente avrei potuto trovare altre classifiche: i libri più venduti del 2016, i libri più amati di tutti i tempi, i classici indimenticabili… ho scelto questa, non vogliatemene, in futuro potrò usarne altre. Per fortuna ho letto quasi tutti i libri in questa classifica, per quelli mancanti mi sono documentata e ho cercato di fare del mio meglio.

Ecco i primi cinque, a partire dal basso:
[continua…]

C’è un mondo, là fuori

C’è un mondo, là fuori. Un mondo in cui non tutti hanno il tempo di leggere, andare al cinema o guardare serie tv. Un mondo in cui non a tutti piace farlo, non so se ci avevate mai pensato. È un mondo che probabilmente non avete mai neppure preso in considerazione e – santi numi – vi assicuro che non ha niente a che vedere con questo blog. […] 

Il mio nuovo blog su Lo Spazio Bianco: Telegrammi dalle retrovie

Chi dice donne dice danno: parla Susanna Raule

Mio pezzo sul sessismo nel mondo del fumetto comparso su LibroGuerriero.

libroguerriero

Il mondo del fumetto è sessista?

SusannaQuando Marilù mi ha chiesto di scrivere questo pezzo la prima cosa che ho pensato è stata: “Oh, no”. Perché, insomma, non è esattamente il genere di pezzo che ti fa fare degli amici. Anche se poi non mi interessa avere quel genere di amici e se mi becco qualche rispostaccia pazienza.

Le rispostacce che mi aspetto sono: 1) dici così perché sei frustrata; 2) dici così perché sei una cagna femminista; 3) niente, il silenzio.

Che poi è quello che si dice normalmente alle donne per screditarle, farle vergognare e zittirle. Che poi, però, sono le risposte che nel mondo del fumetto italiano si prendono anche gli uomini, tranne forse quella del punto 2.

Quindi, cerchiamo di essere obbiettivi e di non confondere la semplice stronzaggine con la stronzaggine di genere.

Nel mondo del fumetto italiano c’è una leggenda che con il genere…

View original post 2.065 altre parole

A book to tell: L’architettura segreta del mondo

Una bella recensione del mio ultimo romanzo sul Libroguerriero!

libroguerriero

rauleTitolo: L’architettura segreta del mondo

Autore: Susanna Raule
Editore: Salani Editore
Anno: aprile 2015
Pagine: 403
Genere: giallo-noir
Prezzo: 16,90 euro

“ Ognuno ha il suo punto di vista, ognuno racconta le cose a modo suo, ognuno cerca di ingannarci su questo o su quello.”
Susanna Raule, spezzina. Psicologa e psicoterapeuta. Sceneggiatrice per diversi editori nazionali e non. Autrice e traduttrice. Vince il Lucca Project Contest del 2005 e arriva in finale al Premio Michelozzi. Nel 2010 partecipa al Premio IoScrittore con il romanzo “L’ombra del commissario Sensi”, in uscita per Salani Editore l’anno successivo. Il suo secondo libro è del 2012, “Satanisti perbene”. “L’architettura segreta del mondo” è la terza avventura dell’oscuro commissario.
Ermanno Sensi è commissario della Squadra Mobile di La Spezia. Non sopporta l’estate e i turisti sono mal tollerati. Perennemente in nero, con occhiali da sole coprenti tipo saldatore.

View original post 394 altre parole

In a bunch of super-heroes being human is the thing

Non sono una grande amante del genere supereroistico, né una grande esperta. Ciò nonostante, ho macinato un numero più che sufficiente di albi con protagonisti individui in calzamaglia (o, come usa adesso, tutine in ecopelle e polimeri complessi) per poter esprimere un’opinione informata. Solo, non nerd. Tenetene conto.

E naturalmente vi sarete accorti che i supereroi, dopo aver espugnato e conquistato le sale cinematografiche, si sono dati all’assalto anche del piccolo schermo.

Due sono le serie supereroistiche di cui voglio parlarvi oggi: Daredevil e Powers.

Ma partiamo dai fumetti. Daredevil è un vecchio personaggio con un sacco di storia. Il revisionismo l’ha sfiorato senza travolgerlo (d’altronde non ha travolto nessuno dei vecchi personaggi, gli ha solo scompigliato un po’ i capelli). Ha una sua certa allure, volendo, ma non è mai stato in alto tra i miei eroi preferiti.

La serie della Netflix ha ricontestualizzato il vecchio Devil, l’ha ripulito dagli ultimi residui naif della silver-age, ha abbassato di un paio di tacche il livello del kitsch insito in ogni eroe mascherato e, come dire… l’ha liberato nelle strade.

Produzione di tutto rispetto, con attori di livello medio/medio-alto, un protagonista con una faccia da carlino e una strepitosa Rosario Dawson.

“Behave, or I’ll chew your limb off!”

Livello? No, buono. La serie è divertente, i nerd spero sufficientemente delusi, la trama ha qualche piccolo buchino che quasi non si nota e le scene d’azione sono per lo più ottime. Uno zinzino troppo lunghe, se chiedete a me, ma, insomma, io sono una ragazza.

Ah, e la rossa di True Blood riesce a sembrare una ragazza qualsiasi. Brava.

Alla fine della visione ti lascia come una blanda eco, una specie di ricordo gradevole, come quel piatto di crema di zucchine così delicato e così poco memorabile.
E la vaga idea che hai appena visto la prima serie contro la gentrificazione, che è un concetto così hipster da dare le vertigini, ma va be’.

Powers, d’altronde, è un fumetto nato dieci anni fa, un fumetto post-revisionista maturo, calibrato, divertente, ottimamente disegnato, potente, con riflessioni non banali sulla società dei consumi e dell’immagine (nonché, inevitabilmente, sulla natura umana).

In poche parole, Powers è forte. Molto forte, molto bello.

La serie è… perfettibile.

Le prime due puntate sono quasi inguardabili. Montaggio e regia da progetto di una scuola media, fotografia da filmino del matrimonio di un tuo amico, dieci anni fa, effetti speciali imbarazzanti.
La regia e il montaggio migliorano in modo sostanziale alla terza puntata, il resto rimane un po’ scadente.

Del tipo che i tizi mascherati sembrano cosplayer brutti, okay.

Ma rispetto a Daredevil, Powers ha cuore, ha anima e, specialmente, ha cervello.
Ha un’umanità e una profondità che gli autori del primo non hanno saputo o voluto fotografare.

In una società in cui i superpoteri sono relativamente comuni la divisione “poteri” della polizia ha un lavoro ingrato da compiere: destreggiarsi tra le superstar in costume, tra i ragazzini dai poteri acerbi, pericolosamente pieni di ambizioni, e tra i pochi, veri, supercattivi, che curiosamente non vogliono il solito “dominio del mondo”, ma soldi e fama (se sei un Power la figa già ce l’hai).

Un universo in cui i supereroi hanno tutti l’agente, pubblicizzano scarpe da ginnastica e hanno fondazioni benefiche. Un universo in cui i supereroi uccidono semplicemente atterrando nel posto sbagliato o scagliando il super-cattivo di turno sulla macchina di una famiglia innocente.

Rispetto al fumetto i personaggi non sono banalizzati – in verità neppure in Daredevil, cambia il punto di partenza – ma non sono neppure identici. C’è stata un’ulteriore elaborazione.

Deena Pilgrim, piena di zelo e coraggio, ma a volte spersa. Christian Walker, un tempo Diamond, che ha perso i suoi poteri e vedere quanto li rivorrebbe indietro ti fa male al cuore. Retro Girl,  che è stanca e sa che in fondo rispetto a un uragano lei non è niente, eppure deve andare, deve continuare a salvare vite, una vita alla volta, e a interpretare il suo ruolo. Johnny Royalle, che in tutti questi anni non ha ancora deciso se è buono o cattivo, e per di più ha paura. E Wolfe, il filosofo maledetto che divora le anime di tutti i cuccioli che incontra, terribile come il più terribile dei lupi e per questo così affascinante.

Ora, io ai nerd non so che cosa dire.  Se per voi è tutta questione di ret-con e aderenza agli originali io e voi non abbiamo proprio nulla da condividere.

Agli altri, quelli a cui interessa una riflessione adulta sul concetto di eroe e di dovere, ovviamente consiglio Powers. Con due postille:

1) Comunque si tratta di supereroi. Come calciatori, ma volanti. Fanno un cervello in tre. Il problema è che la serie non si fa alcuno scrupolo nel mostrarcelo, quindi se vi aspettate brillanti deduzioni e astuti piani… no, ecco, guardatevi Sherlock.

2) In Powers ci recita l’uomo più bello del mondo. Ho cercato di essere obbiettiva, ma, insomma, comunque se anche la serie facesse schifo varrebbe la pena di guardarla senza audio solo per lui.