I personaggi, per chi li crea, sono senz’altro proiezioni. Tue parti, che metti all’esterno. Dato che provengono da te, in qualche misura ti rappresentano. Ma dato che li hai messi fuori, per te sono diventti “altro”.
In terapia, noi gestaltisti lavoriamo tanto con le proiezioni. Le osserviamo, le conosciamo e poi le reintegriamo.
Quando scrivi, per lo più, non reintegri. La proiezione resta fuori, ad agire.
Tu la osservi con un vago senso di estraneità.
Visto che è una parte di te, di norma ti è molto cara. Anche se è una parte cattiva, sai, nel profondo, che ti è utile, che è lì per un motivo. Che forse, un tempo, ti ha protetto. Che ti è servita per funzionare o che ti serve ancora.
Sì, i tuoi personaggi ti sono molto cari, eppure fai loro cose orribili, se occorre.
Li sacrifichi in nome della comunicazione o anche solo dell’intrattenimento.
Li fai soffrire, li fai innamorare, li copri di ridicolo, li innalzi.
Sono cose che fai a una parte di te, solo per finta. Solo per vedere com’è. Se funziona.
Ma, d’altronde, sono tutte cose che hai già fatto anche a te stesso.
Il gioco è questo.
Ed è un bel gioco.

Annunci

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. CREPASCOLO ha detto:

    La cosa ha un suo senso ed una direzione, ma è una teoria. Fino a qualche anno fa, si credeva che nel 1969 qualcuno fosse allunato. Poi qualcuno ha parlato. L’incanto si è rotto. Capricorn One è il film + noleggiato nel mio quartiere dopo Vieni avanti, cretino e Le lacrime amare di Petra Von Kant.

    Sylvester Felix Kyle, noto anche negli ambienti non accademici per aver sostenuto che Lucien Freud aveva la sua ragione per dipingere divani, sostiene che ” le idee sono come quelle palline di pelo che i mici sputacchiano in giro, disinteressandosene immediatamente dopo “.
    Secondo SFF, l’essere umano ricerca una sua compiutezza che può raggiungere solo spurgando tutto quello che ostacola il raggiungimento della pienezza ( che nelle sue parole assomiglia al torpore post-p
    randiale in un Ferragosto a seicento metri di quota e benedetto da una brezza ).
    Lo scrittore Corman Mc Carthy mi ha detto che gli americani adorano quei western vagamente sergioleonici ( un altro gatto ndr ) perchè quel rotolare di rovi nella polvere attiva una memoria atavica di rilascio catartico di idee. Nulla piace ad uno yankee di mezz’età quanto abbandonarsi sulla sua poltrona senza pensare a nulla che non sia abbandonarsi sulla sua poltrona. Il vero Capitan America è Homer Simpson…

  2. andrea403 ha detto:

    Perché quello che hai scritto mi ha fatto venire in mente The Brood di Cronemberg?

  3. sraule ha detto:

    Forse perché stai messo peggio di me 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...