Che la domenica mattina non può MAI essere un buon momento, di default. Perché il sabato sera sei SEMPRE stato stupido, in qualche modo, e per fortuna che è così.

La gente che il sabato sera è assennata, mi fa paura.

Comunque, con l'età qualche trucco l'ho imparato, tanto che – vedete? – sono qua la domenica mattina a scrivere sul blog. 

(Sì, il mondo continua a girare, ma la tastiera è più divertente da adoperare, se non sei sicuro di dove sarà la lettera "s" la prossima volta che cercherai di digitarla.)

Insomma, ieri sera sono andata a vedere i i Ministri, era questo che volevo dire. Li sono andati a vedere al Baraonda, il che probabilmente è stato un errore. Dico che è stato un errore probabilmente perché poi mi sono anche divertita, ma i Ministri non li ho sentiti di sicuro. Non li ha sentiti nessuno, compresi i Ministri stessi.

Certo, direte voi, si può vivere anche senza.

Sì, rispondo io, ma non se hai cacciato 12 euro per sentire qualcosa che non era possibile sentire.

L'audio: completamente impastato. I testi: inudibili. Le linee melodiche: eh?

Poi, visto che non sono tanto alta, non ho visto neanche niente.

Per riassumere: sul palco forse c'era Gianni Morandi che cantava The Beautiful People, non ho modo di saperlo.

Per fortuna, poi, c'è anche il resto: tipo saltare e pogare cantando parole prese a caso dai ricordi incerti della discografia dei Ministri e, alla fine di ogni pezzo, convenire con Mick che "era una canzone bellissima". Ovviamente nessuno dei due sapeva che cosa aveva appena ascoltato, perché (giova ribadirlo) non si sentiva una mazza.

Anche se poi, in realtà, c'è un grande mistero, perché la Fra, invece, cantava tutte le parole giuste, o così mi è sembrato. 

Boh.

C'erano anche altre persone, come Tommy, la Ambra e persino Armando, che è riuscito a mantenere il suo ruolo auto-imposto di posato disegnatore intellettuale che schifa i locali notturni per circa 10 minuti (poi ha incontrato un gin tonic), ma adesso sono irrilevanti.

In bagno, ho anche incontrato una groupie dei Ministri. Mi ha spiegato, afflitta, che il cantante è fidanzato.

Le ho spiegato, afflitta, che se non avesse liberato il bagno alla svelta sarei stata costretta a ucciderla. Non ho ricevuto altre confidenze, chissà perché.

(Cristo di un Dio, ma davvero basta il sospetto che tu abbia un pene per avere subito una groupie?)

Per concludere: serata divertente, concerto orripilante, superalcolici troppo cari.

Annunci

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo ha detto:

    Purtroppo no, non basta avere un pene (o pensare di poterselo far annusare) per avere una groupie.

    Devi anche fare alternative e suonare con le chitarre scordate, dire qualcosa che contenga parole come "cazzo, scopare, fottere,…" e sopratutto suonare di merda!

    Si sa, è la vita.

    Io i Ministri li vidi live ad una notte in campus (gratis) e corsi via. Forse proprio perchè l'audio era buono!

  2. sraule ha detto:

    Ma no, dai. A me, scherzi a parte, loro fanno simpatia. Poi son gusti.
    Il radical-fighettismo, però, bisogna perdonarlo, perché è chiaro che la motivazione è seria: la gnocca. E di fronte a questo dobbiamo fare tutti un passo indietro.

  3. utente anonimo ha detto:

    Io ho un pene! io ho un pene!!!! 😀

    … poi mi devi anche insegnare il "trucchetto" per alzarsi la domenica mattina…. che io mi sono alzato ora, lunedi, ore 17e17….

    Mick

  4. sraule ha detto:

    eh, sapessi… è una mossa altamente esoterica che solo in pochi conosciamo. ti do un indizio: paracetamolo.

    in quanto al pene, sono contenta per te. scommetto che insieme fate un sacco di cose spassose.

  5. utente anonimo ha detto:

    Veramente vivo in tempi buiiii e non eì per rovinarti il pranzooo..

    Onestamente penso che questa canzone sia molto carina e , differentemente da altre, ha anche un suo significato. Altrettanto onestamente dico che di tutto l albulm si salva solo questa, ma e' gia' qualcosa, no ?

    scoiattolazzo

  6. sraule ha detto:

    sì, infatti.
    a me piace anche "bevo-bevo-bevo" 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...