Tradurre non dà solo soddisfazioni. E' vero, leggi a sbafo un sacco di bei fumetti, ma poi ti becchi anche la colpa delle inevitabili cazzate. Ad esempio con Northlanders, ebbene, potrei essere stata un po' distratta… e anche il mio supervisore. In realtà non mi ricordo la parte in questione, chissà, forse i norreni avevano davvero 11 anni!
Sono attimi di distrazione che possono capitare a tutti. In realtà sospetto di aver fatto cazzate molto più grosse, di cui non si è ancora accorto nessuno perché o a) il mio supervisore le ha corrette, o b) sono passate semplicemente inosservate.
Ad esempio, gli acronimi africani di Unkown Soldier. Non voglio nemmeno pensarci, seriamente. 
In Petrefax c'era un tizio che stava per cagare trifogli, poi ho trovato una soluzione più, hem, elegante.
Poi, a volte, ti capita di tradurre cose che ti fanno abbastanza cagare (non farò nomi, ovviamente). Ti capita di dover correggere gli strafalcioni in una terza lingua dell'autore anglofono. Ti capita di dover cercare dei simboli assurdi, che nemmeno sapevi che esistessero (il punto esclamativo al contrario spagnolo, alla fine, l'ho copincollato da google, eppure sono sicura che c'è, è lì, perso tra centinaia di altri simboli – ma vogliamo parlare degli agglomerati di vocali o dei CUORICINI?).
Ma ci sono anche delle soddisfazioni.
Tamara Drewe, ad esempio, è stata una soddisfazione. Intendiamoci: ogni pagina di fumetto si trasformava immancabilmente in una pagina word fitta, ma CHE pagina. Ho persino fatto una cosa che non faccio mai: andare a leggere avanti, oltre il pezzo che avevo appena finito di tradurre, per semplice curiosità. 
Il fatto è che Tamara Drewe è avvincente.
Sembra strano: in fondo parla delle avventure non proprio mozzafiato di un gruppo di scrittori in un ritiro per scrittori nella campagna inglese. E' una critica davvero caustica del mondo dell'editoria, dei vezzi degli scrittori e delle bassezze degli almost-famous. 
Ma è anche compassionevole, in certi punti, lieve, ironico e incredibilmente umano.
Mi sono immedesimata a turno con tutti i personaggi: il grasso, pigro, invidioso intellettuale Glen Larson; l'iper-efficiente Beth; le ragazzine del paese, che fanno celebrity-watching dalla vecchia tettoia dell'autobus. 
L'unica con cui non riesci a immedesimarti è proprio Tamara Drewe. Ma è normale: Tamara non è un personaggio in cui ti devi immedesimare. Al massimo può farti un pochino pena, ma giusto un pochino.
Comunque, il libro di Posy Simmonds è bello. Molto bello. Sono curiosa di vedere il film.
Ma, specialmente, spero di non aver fatto troppe cazzate nella traduzione.

Advertisements

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...