La mia generazione, quale inutile spreco.
Un esercito di precari pronti a difendere le loro poche certezze con le unghie e con i denti, ma altrettanto pronti alla rassegnazione.
La mia generazione è figlia di una generazione che aveva dei sogni. Poi i sogni si sono infranti e la generazione dei nostri genitori ci ha detto: "Là fuori c'è un mondo cattivo."
Forse pensavano di avvisarci. Forse pensavano di renderci tutto un po' più facile. Forse erano solo dei maligni bastardi amareggiati.
Così siamo cresciuti ascoltando questo refrain. "Là fuori c'è un mondo cattivo."
E noi ci abbiamo creduto. Di più, ci siamo impegnati attivamente perché fosse proprio così.
Ogni volta che ci rassegniamo a un'ingiustizia e ogni volta che ne facciamo una noi.
Siamo tutti cinici dilettanti. "Oggi a me, domani a te", "Meglio a te che a me", "Tanto così va il mondo" sono le nostre personali declinazioni di quell'antico ritornello genitoriale. 
Sogniamo sogni in cui non crediamo, sopportiamo tutto tranne le piccole cose. Anni fa Guccini cantava Dio è morto, noi ne ridiamo da un pezzo, perché è così che siamo fatti.
Perché vivere in un mondo cattivo, sicuri che lo sia, pronti a renderlo peggiore, è come stare nella pancia della mamma, per noi.
E nessuno di noi pensa che ci rivedremo in un inferno perché il male, come il bene, per noi è solo un vecchio mito.

Voglio svegliarmi alla mattina e salutare il sole.
Voglio essere gentile con le persone.
Voglio ricordarmi tutti i compleanni.
Voglio un gatto da coccolare.
Voglio guarirvi dalla lebbra.
Voglio ascoltare buona musica.
Voglio scrivere.
Voglio un paio di rimorsi.
Voglio esserci se avete bisogno di me.
Voglio non esserci se non vi servo.
Voglio imparare.
Voglio crescere.
Voglio ricordarmi com'era.
Voglio essere io che decido com'è.

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo scrive:

    non ti ho mai sentito cosi` dolce e ho un'infinita voglia di abbracciarti, sorellina.detto cio`, e` palese che stiamo invecchiando di brutto.

  2. utente anonimo scrive:

    capisco generalizzare ma io non mi sento di far parte di quella generazione che descrivi.Io lavoro e collaboro con gente che certo sà bene che il mondo è cattivo, ma ha una prospettiva molto più alta e lavora per questo. Giuro che quando si inverte la tendenza a tafazzarsi, si ottengono risultati formidabili.Nonostante questo voglio quasi le stesse cose.Pic

  3. sraule scrive:

    viva! tante coccole, fratellino!(sì, stiamo invecchiando di brutto)pic: sì. 

  4. utente anonimo scrive:

    anche perche` sentirti dire "Voglio essere gentile con le persone." ecco, conoscendoti, come dire, RIDATE LA PASSWORD A SUSANNA, HACKER BASTARDI!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...