Chi mi conosce sa che cerco di essere imparziale. Provo a non avere preferenze, tento di essere equanime. Ma non c'è niente da fare, Ravenstock è il mio preferito.
Riesco a essere abbastanza onesta con me stessa da ammetterlo. I personaggi alla fine ti diventano cari. Ravenstock mi è più caro di tutti gli altri. E gli altri, credetemi, mi sono molto cari. 
Non puoi creare qualcosa, estrarlo faticosamente dal tuo cervello, e poi fregartene. Insomma, sì, ci vuole anche un po' di umanità (oltre che un disegnatore della Madonna).
Quindi, ecco, Ravenstock è il mio preferito per ha quegli occhi sempre tristi e perché so che non mi sono comportata molto bene, con lui, nell'ultimo numero, e allora mi sento anche un po' in colpa. Se non vi sembra troppo idiota, sono affezionata al personaggio, più che alla serie. A tutti i personaggi, non solo a Ford. Sono affezionata persino al capitano Kostamakis, che non si è mai visto.
Delirante, lo so.
Il fatto che ho scritto Ravenstock nel modo più semplice e diretto possibile, senza grandi mediazioni stilistiche (il che poi non significa che la serie sia semplice e diretta, me ne rendo conto). Ci ho messo dentro i miei pensieri e le mie emozioni, molto direttamente, come se li prendessi e li riponessi con calma nell'armadietto della palestra. Più o meno con la stessa fiducia di ritrovarli di quando lascio gli stivali nell'armadietto della palestra (non me li hanno mai rubati – e c'è un grosso lucchetto).In "Specialista in suicidi" ho presentato il personaggio. In "L'allegria dei naufragi" ho cercato di arricchire il quadro, con Marlene, naturalmente, ma anche mostrando aspetti inediti di Ford. 
Dovete capire che, nel mio cervello, è una persona viva. So tutto quella che fa, che pensa, che è? No. Ma se volessi, potrei. Incredibile, no?
E così arriviamo all'ultimo numero uscito, "Verso Hamelin", in cui si delinea il rapporto tra Marlene e Ford (e, se vogliamo, il fumetto è proprio sul rapporto tra loro, come esseri umani) e si parla di cosette da niente come la responsabilità e il libero arbitrio (notate con che eleganza ho inserito nei titoli i link al sito dove potete comprare i vari numeri).
L'ultimo albo avrà un titolo tipo "Cacciatori di uragani". Qualcosa del genere, non sono in grado di promettervi niente, ora come ora.
Ha un suo senso, fidatevi.
Per questo numero, lo stipetto della palestra neanche l'ho chiuso a chiave. Praticamente un invito al furto.
Sarà l'ultimo numero, e anche questo mi dispiace, ma Ford Ravenstock non era inteso come una serie infinita e dai continui colpi di scena. In tutta la serie ci sono 2 colpi di scena: uno nel numero 2, che ho fatto di tutto per tenere sotto-tono, e uno nel numero 4, quello che deve ancora uscire.
Ford Ravenstock era fatto per finire e – voilà – sta finendo.
Sarà un bel finale, spero. Un finale che vi lascerà un senso di conclusione e  pizzico di nostalgia. I buoni finali dovrebbero essere così e partire dall'idea di scriverne uno brutto non avrebbe avuto molto senso.
E ci sarà un grosso colpo di scena. E che cavolo.
Uno potrò concedermelo, no?

PS. Mentre scrivevo, è uscito questo pezzo qua. Che, come al solito, mi commuove. Ecco, ora l'ho detto.

Annunci

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo ha detto:

    io lo sto ancora aspettando in fumetteria… mi sa che prendo davvero il treno…ciao K.

  2. sraule ha detto:

    cavoli. sono pessimi.ma si sa qual'è il problema o semplicemente non arriva per ignoti motivi?

  3. utente anonimo ha detto:

    Anch'io non sono ancora entrato in possesso dell'ultimo Ravenstock, ma è fuori discussione che prima o poi l'albo sarà mio, e passerò a chiedere un autografo sia a te che ad Armando! Comunque i complimenti li meriti davvero tutti, non stupirti quando ne ricevi! Luca.

  4. utente anonimo ha detto:

    ecco, mi rendo conto che ci sono problemi con la distribuzione.ahimé, non so che cosa farci. forse metterò un banchetto in cortile come da piccola con i topolino usati.anyway, ho deciso di applicare una nuova politica per i complimenti: verranno accettati con degnazione, con la frase "ah, è naturale che si riconosca il mio genio". che fa anche molto sgarbi.a questo punto vi lascerei anche il mio iban, già che ci siamo…sraule

  5. utente anonimo ha detto:

    ma secondo me il problema è solo degli autori…io e tutti quelli a cui interessa, prima o poi, lo troveranno, lo compreranno e lo leggeranno, ma come ca**o fate voi a sopportare una situazione come questa?io mi inca**erei e inizierebbe la paranoia di perdere visibilità per colpa di un co***one che non sa tenere un magazzino…cmq, Souzie, aspetterò…(ke palle!!!!):) K.

  6. sraule ha detto:

    in paranoia, no. dispiaciuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...