Ovvero: mirate ed ammirate la mia nuova auto. Il suo nome ufficiale è C1, ma io la chiamo già "ovetto". E’ rossa, sì. Ed è piccina, sì. Ed è comodissima da guidare. Dentro ci stiamo giusto io, la mia musica e i miei pensieri. Proprio in caso di emergenza altri 3 ospiti.


Me stessa alla guida, giustamente soddisfatta. Immaginate pure le casse trasmettere a tutto volume, tanto con i finestrini chiusi da fuori non si sente niente.


Questa è sempre lei, Ovetto, in una sensuale vista di 3/4. Sullo sfondo si può ammirare il parcheggio di indubbia bruttezza che viene rischiarato dalla sua verve.


Vista di fronte la sua bellezza non cambia. L’uggioso parcheggio, purtroppo, è sempre quello, ma lei vi porta il sole.


Un po’ più dal basso ora…


E infine in una vista laterale che mostra la sua linea tondeggiante e giuliva.
Questa macchina è stata appositamente concepita per me, ne sono certa. E’ più piccola della mia vecchia, cara Lattina, il che significa che non rischio di abbrancare un lampione mentre faccio manovra per carenza di senso delle misure. I sedili sono comodi, possiedo un servosterzo (quale onore), un paio di airbag e persino un’apertura automatica delle porte, il che, per me, è del tutto inaudito.
Inoltre, non per ripetermi, ma è rossa.

Ecco, ora avete avuto il vostro post frivolo, contenti?

Advertisements

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo ha detto:

    Ma è bellissima!!!

    ok, a parte le cazzate, sembra fatta apposta per te, e poi… è ROSSA! 🙂

  2. utente anonimo ha detto:

    ma… ma… ma come, hai cambiato la lattina! 😦

    povera lattina! COSA LE HAI FATTO, MOSTRO?

  3. utente anonimo ha detto:

    maledetta comunista!!!

    Pic

    p.s. evvivaaaa!!!

  4. sraule ha detto:

    paolo: sì, più passa il tempo più la amo!

    brullo: è stata ROTTAMATA. sì, sono senza cuore.

    andrea: alla fine è giunta! al prossimo giro ti toccherà stare incastrato dietro.

  5. utente anonimo ha detto:

    LAAAAATTTIIIIIINAAAAAAA NNNNUOOOOOOOOOOOOOOO COSA TI HANNO FATTO NNNNOOOOOO ;______;

    e poi rossa, cazzo, rossa, ma non puoi proprio evitare di fare la dama sgargiante!! ah!
    (quand’è che mi porti in giro per il mondo con la macchinina giuliva?)

  6. sraule ha detto:

    ci vengo a cambridge quest’estate. la metterò in soggiorno accanto al NOSTRO divano.

  7. mrharrison ha detto:

    molto bene, molto bene.

  8. sraule ha detto:

    eh, sì. sono happy.

  9. utente anonimo ha detto:

    a cambridge in macchina?

  10. sraule ha detto:

    forse non ti hanno informato, ma dopo vari secoli di tentativi quella cosa del tunnel sotto la manica l’hanno fatta davvero. 🙂

  11. sraule ha detto:

    ah, e non cercare scuse pretestuose.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...