07-04-08_1947

Dunque, sembrerà un po’ strano che io mi metta a postare dal nulla le foto dei dolci della mia mamma… ma se voi conosceste le normali (a-normali, sic!) doti culinarie della suddetta capireste al volo.
All’asilo io ero l’unica bambina a cui il cibo della mensa piaceva un sacco. Tra lo stupore generale spazzavo via ogni tipo di alimento, compresi quelli che gli altri bambini non degnavano nemmeno di uno sguardo prima di esclamare "NO!"
Tutt’ora sono un’ospite ricercatissima per cene&affini da parte dei cuochi più mediocri, i quali sanno che in me troveranno un’entusiasta divoratrice di qualsiasi schi-hem prelibatezza abbiano cucinato.
Io. Mangio. Tutto.
04-04-08_1946Broccoli, zucchine, cavoletti bolliti, pasta al burro, insalata prelavata-pretagliata, ma anche: melanzane alla parmigiana sbruciacchiate, riso al curry al sapore di arsenico, zuppa blu, bucellati semicrudi, gelato irrimediabilmente surgelato e focaccia stantia.
Questo non significa che io non abbia gusti alimentari o che non ami la buona tavola. Nessuno è più felice di me se posso sedermi ad un ristorante come si deve e degustare olive all’ascolana  croccanti, pasta al tartufo e quagliette ben rosolate.
Però mi adatto (l’unica cosa su cui non transigo è il vino). Questo perché, insomma, la mia mamma è sempre stata una donna dalla cultura sopraffina, dai molteplici interessi, dall’inesauribile attivismo in tutti i campi del sapere, dalle lingue alla storia, all’arte, ma come cuoca… eh! Come cuoca… diciamo che le sue creazioni raramente somigliano anche solo alla lontana alle illustrazioni delle ricette.
10-04-08_1025L’unica cosa in cui ha sempre avuto un certo successo, essendo cioccolato-dipendente (una vera patologia clinica nel suo caso, credetemi!) è stata nella creazione di dolci.
E anche qui, nonostante la buona volontà non sempre i risultati sono stati all’altezza delle aspettative.
Molto spesso i suoi dolci erano… dolci. Cioè: non salati, ecco.
Quindi capirete che ritengo necessario celebrare pubblicamente il suo ultimo tour da force, un’impresa degna di provetti pasticcieri, altroché!
Io, inizialmente incredula, poi sempre più soddisfatta, ho ritenuto doveroso da parte mia documentare i suoi sforzi e renderne partecipi voi tutti, con questa galleria di dolci ottenuti grazie al riciclo di uova di pasqua. Le ricette, ovviamente, sono state liberamente adattate dalla Genitrice. 20-04-08_1242Adattate in base alla carenza di ingredienti  o di attrezzatura da cucina adeguata.
Il risultato è stato gustoso, pertanto è chiaro che comunque Andava Bene Così!
Lucidatevi le pupille!

(E non vi venga in mente di smettere di votare!)

Annunci

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. AhrimanTheHarsh ha detto:

    Uhmmm…a casa mia si mangia molto bene, ma nonostante questo sono un tritarifiuti più o meno pari tuo…poi se il vino è buono anche il cibo più triste va giù meglio…a proposito, ti piace l’amarone?

  2. sraule ha detto:

    Minchia se mi piace!

  3. lulabelle ha detto:

    bòni.

    poi a me la mezza stagione mi uccide.

    pappa a tutte le ore.

    sigh.

  4. sraule ha detto:

    non dirmi niente, altro che dieta. sig!

  5. AhrimanTheHarsh ha detto:

    Diete…che brutta parola…diciamo “regime alimentare controllato”…

    Anche perchè cifra tonda non è sempre un bene :-/

  6. sraule ha detto:

    Il problema è che qua non è la cifra, ad essere diventata tonda… 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...