Grazie a Giovanni per l’opportunità: spero che qualcuno sia riuscito a staccarti il cellulare dall’orecchio, la chirurgia fa miracoli, al giorno d’oggi, dicono. Grazie ad Andrea per le belle parole che ha scritto e grazie anche a Marco Marcello, a Matteo, a Francesco, a Simon e (grazie!) a Sara, che nel frattempo si è anche sposata.
Grazie a Roberto: amico, colorista, e grande organizzatore di spostamenti, cene, ecc. A quella della penultima sera non ci credeva nessuno. Grazie ad Andrea (un altro) perché quando uno ha ancora quegli occhietti azzurri e divertiti malgrado tutto quello che è passato sotto i ponti ti fa venir voglia di crederci. Grazie ad Andrea (un altro ancora) per essere stato il primo, a crederci.
Grazie a Ominokk, se è questo il nome che usi ora, accidenti.
Grazie a Guido, e a Teo e a Silvia e a Pio e a Paola (senza la tua dritta sulla sciarpa sarei morta di freddo) e a Giulia (anche conosciuta come "Abby" – e la voglio, quella foto!) per l’aiuto, l’intrattenimento, gli aneddoti spassosi (mi è dura non rivelarli subito tutti) e altro ancora. E un saluto a Jasmine (si scrive così?) e a Ginevra, che deve ancora nascere, ma è l’unica ad essersi fatta Lucca al comodo e al caldo. Invidia.
Grazie a Mauro, che mi ha quasi fatto strozzare dal ridere e grazie a Francesco, per l’intervista e i pareri illuminati (diciamo così, va’). Grazie a Beppe e a Laura per i racconti di guerra. Mi avete azzittita per una serata intera, e non sono mica bazzecole.
Grazie a Riccardo, che mi ha messo in grande imbarazzo costringendomi a parlare. A Pasquale per aver fatto finta di niente e per la gentilezza.
Grazie a Diana per aver ascoltato i miei vaneggiamenti in un inglese nemmeno tanto buono e aver sorriso lo stesso.
Grazie ad Alberto per le presentazioni e l’incoraggiamento. Grazie a Cosimo.
Grazie a chi ha contribuito alla causa del reparto pediatrico dell’ospedale di Lucca, acquistando il quadro di Armando.
Grazie a Hannes, Armin, Marco e tutto lo staff di Monipodio. Grazie a Mauro (il tuo "fuck me like u 8 me" appiccicato sulla maglia mi ha conquistata) e a Laca (sono, effettivamente, stata la tua spina nel fianco).
Grazie a Giuseppe, per aver scritto per primo (e per unico, credo) sul blog.
Ultimo, ma ovviamente non ultimo:
Armando. Hey, grazie per… oh, shit, non ora… hem: mi squilla il cellulare, peccato.

Infine grazie, e scusate se è poco, a tutti quelli che hanno comprato, che compreranno, che prenderanno in considerazione l’idea di comprare ma poi non ne faranno niente Ford Ravenstock, specialista in suicidi.

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo scrive:

    Da parte mia non possoche ringraziare te e Armando. Per Ford Ravenstok, per la bravura, per la simpatia, per la disponibilità e, last but not least, per il buono pasto 😉
    Aspetta a ringraziare per l’intervista: non ho ancora finito l’editing 😦
    Nomad

  2. utente anonimo scrive:

    Dimenticavo, mi sono permesso di linkarti.
    Nomad

  3. sraule scrive:

    sapevo di comprarti, con quel buono pasto… (anche perché mi sa che se no, lì, ci lasciavamo tutti il portafoglio intero…)

    ti linko anch’io!

  4. utente anonimo scrive:

    dispiaciuto assai non esserci, ma ero pure influenzato (oltre che impigrito).

    poi mi racconti, madame.

    baci.
    b.n.

  5. sraule scrive:

    sì, sì. so che la gara di masturbazione con spugnetta da scrub ha assorbito tutte le tue forze. non preoccuparti, non devi giustificarti.

  6. PoisonHearted scrive:

    ehilà ciao!!! sono felice che siate riusciti a ritrovare il mio indirizzo, ma allora ascolti i Cradle Of filth?? io quella canzone l’adoro^.^ appena scarico le foto te le mando in MP, promesso! 🙂 a presto! bacioni :*********

  7. sraule scrive:

    a dire il vero non sono una grande fan, ma qualcosa ho ascoltato. e poi quando ero giovane e punk c’erano alcuni miei amici che stravedevano per loro.

    grazie per le foto!

  8. utente anonimo scrive:

    sì, sì. so che la gara di masturbazione con spugnetta da scrub ha assorbito tutte le tue forze. non preoccuparti, non devi giustificarti.

    ma sono arrivato secondo!!

    poisonhearted: se il tuo blog è finto, credo sia stupendo.
    comunque ho addosso una maglietta di burzum, va bene lo stesso?

    b.n.

  9. utente anonimo scrive:

    ciò mi stupisce grandemente. chi ti ha battuto?

    inoltre: non importunare poison, che è amica mia e che a lucca mi ha salvato la vita. oltre ad essere una sosia di abby di ncis. vergogna!

    sraule

  10. brullonulla scrive:

    vabbene, terrò lontane le mie viscide manacce.
    uffi.

  11. utente anonimo scrive:

    prego.

    vi amo

    ominokk

  12. l’ho comprato
    e l’ho amato
    e come ogni amore
    mi ha lasciato…
    al primo numero!
    complimenti
    sperando di rileggerlo presto

  13. sraule scrive:

    grazie antrodiberlicche, spero anch’io che ravenstock tornerà… farò del mio meglio…

  14. utente anonimo scrive:

    anch’io l’ho comperato e mi è piaciuto un sacco…
    Speriamo di vedere presto il num. 2 in fumetteria 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...