più o meno. non aspettatevi roba da premio campiello, eh? il che, a ben pensare, è probabilmente un grande sollievo.
aspettatevi, invece, un po’ di sana PUBBLICITA’. ovvero: che cos’è quella roba accanto al testo?
basandomi sull’assioma che la pubblicità è ormai molto più interessante della programmazione, rimanderò le spiegazioni a fondo post, per mantenere alta la suspense e tenervi attaccati allo schermo.
quest’oggi, in particolare (attenzione: qui inizia la divagazione non-pubblicitaria) vorrei parlare di quel certo nefasto tipo di libro pseudo-storico che ultimamente infesta le librerie.
se non vi è chiaro di cosa sto parlando lasciate che vi faccia qualche titolo. "circolo dante" dovrebbe dirvi qualcosa. era così fottutamente palloso che pearl non poteva esimersi dallo scriverne un altro.
aabiamo poi varie altre meraviglie starring galileo, dante (questa volta in persona), leonardo, shakespeare (una maledetta infinità), questo o quel faraone, questo o quell’antico romano, questo o quell’condottiero medioevale…
il mio preferito, devo ammettere, è la vendetta di machiavelli.
in questo magnifico romanzo raphael cardetti riesce magicamente a: invecchiare guicciardini di quindici anni, dargli un’intimità col macchiavelli che non ha mai avuto e farlo morire in modo del tutto inappropriato (ci tenevate a conoscere il finale? accontentati). macchiavelli, che era un allegro gaudente, viene dipinto come uno stitico benpensante, francesco guicciardini, che al contrario era piuttosto freddo e altero, diventa uno scapigliato ante literam.
senza contare il fatto che raphael BARA, facendoti credere che sta scrivendo nella classica "piega della Storia", mentre invece si sta pulendo il culo col realmente accaduto.
peccato, perché per il resto è anche leggibile.
la sostanza del discorso è: fermate questi amanti della storia. che tornino a scrivere di serial killer o di languidi sospiri. in alternativa possono sembre ambientare un libro nel mondo mussulmano. a quello non ci ha ancora pensato nessuno. no, prego, fatevi avanti!

e siamo ora giunti all’atteso stacco pubblicitario.

"Ford Ravenstock – esperto in suicidi" ha vinto il Lucca Comics Project Contest, che, al contrario del premio Campiello, è un concorso serio ed attendibile, supportato dalla lunga tradizione di un’eccellente edizione, che è andata così bene che quest’anno si fa di nuovo.
"Ford Ravenstock – esperto in suicidi", pubblicato da Panini Comics, uscirà il 9 Novembre, ma sarà presentato durante la Fiera del Fumetto di Lucca.
Sull’ultimo  "Anteprima" si legge: "La soria, ideata da Susanna Raule e Armando Rossi, parla delle incredibili vicende di Ford Ravenstock, un elegante signore che aiuta le persone a… suicidarsi. Un folle maggiordomo, un caso di omicidio, una ispettrice di polizia che vuole vederci chiaro: questi e molti altri sono gli elementi di una vicenda irresistibilmente grottesca."

Come a dire: cazzo, compratelo, costa solo 4 euri.

Annunci

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. utente anonimo ha detto:

    SOCIA!!! E VAIIII…

  2. kush13 ha detto:

    bè complimenti perdiana

  3. Javert ha detto:

    Grande, fai conto che l’ho già comprato…

    nelle fumetterie?

  4. utente anonimo ha detto:

    grazie, boyz!

    sì, nelle fumetterie. col tempo vorrei che lo proponessero anche in ogni porchettaro, ma ci sto ancora lavorando sopra. quelli della pan sembrano più orientati verso i verdurai…

    sraule

  5. brullonulla ha detto:

    oddio è uscito! 😀

    evviva.

    tienimene in caldo una copia con i vostri autografi per quando torno a spezia (presumibilmente nel 2070, mi sa)

  6. sraule ha detto:

    ma se lo sanno tutti che voi detentori di dottorato vi grattate la panza da mattina a sera… 😉

  7. brullonulla ha detto:

    si, ma voglio grattarmela col tuo fumNO PROFESSORE NON STAVO LEGGENDO NIENTE SI STAVO ANALIZZANDO I DATI DEGLI ULTIMI ESPERIMENTI EHM SI QUELLI DI 6 MESI FA SE NE HO FATTI ALTRI,AH,BISOGNAVA FARNE ALTRI?

  8. utente anonimo ha detto:

    Ciao Susanna! Ho letto giusto ieri Ford Ravenstock…e l’ho trovato davvero un bel fumetto! C’e’ la possibilita’ che la Panini lo pubblichi come seriale o ci dobbiamo accontentare di questo numero unico??
    Giuseppe

  9. utente anonimo ha detto:

    grazie, giuseppe. la risposta, per il momento è putroppo “non so”.

    sraule

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...