Molto breve. Brevissima.

Ecco a voi:

Chapter three (part II)

Mark la accolse come al solito baciandola su entrambe le guance. Claire se ne scoprì leggermente infastidita, probabilmente per via del sogno.

“Allora, come se la cava Ted?”

“Seduta fiacca, oggi. Lui era distratto, io ero distratta.”

“Davvero? Non riesco ad immaginarti distratta.”

“Oh, sai… non proprio completamente distratta. Ho piantato un paio di semi.”

“Bene, quindi.”

Claire sospirò. Aveva la tentazione di dirlo ad occhi chiusi, ma invece lo fece ad occhi aperti.

“Ti ho sognato, stanotte.”

Mark inclinò la testa da un lato, favorevolmente stupito. Era così caro. Con i suoi capelli prematuramente grigi e le piccole mani tozze.

“Facevamo l’amore.”

Di nuovo silenzio.

Poi entrambi si misero a ridere.

“Dio, è imbarazzante” fece Claire.

“Eee… un po’ sì. Ma le pazienti lo fanno in continuazione, ci sono abituato.”

Claire ridacchiò. “Tranfert?”

“Transfert! Buona la prima! Ci stai prendendo la mano, eh?”

“Okay, transfert, e poi? Chi sto proiettando su di te?”

“Papà?”

“Ti prego.”

“Giusto. Ora ci vorrebbe una interpretazione brillante.”

“Forza, Mark, mi fido di te!”

“Hey, guarda che devi fare uno sforzo anche tu.”

Claire sospirò.

“Okay. Allora mi butto. Per me non è transfert. Per me è un desiderio inconscio” rise “Oddio, nemmeno tanto inconscio.”

Mark inclinò la testa da un lato, in un movimento che ormai Claire riconosceva come suo tipico.

“Tu dici?”

“Potrebbe darsi. Sono… confusa. Ecco adesso che ho aggiunto anche la parte del confusa siamo in piena soap-opera.”

Si fermò un attimo, riflettendo. Soap-opera.

“Un’associazione libera!” indovinò Mark, che malgrado tutto non smetteva di fare terapia.

Claire aggrottò la fonte. “Sì” disse, piano. “Un pezzo della seduta di oggi.”

“Raccontami. Giuro che non sto scappando.”

“No, lo so. Stavamo parlando della ragazza di Ted. Il discorso è un po’ lungo.”

“Raccontami solo la parte dell’associazione. Onestamente sono ben poco interessato alla ragazza di Ted. A me interessa questa ragazza qua.”

“Ted mi ha detto che ha bisogno di me. Bisogno di un’altra… e qui inserisci il nome della ragazza. Io gli ho risposto che io non sono lei. E lui: meglio così, almeno non dovrò scoparti.”

“Tutti gentleman i tuoi pazienti, eh?”

Claire rise. “Davvero. Allora, dottore? Sono morbosamente attratta da lei o dal mio paziente?”

Mark le rivolse un sorriso gentile.

“Forse da tutti e due, ma bisognerebbe scoprire perché.”

———————————————————————————————————————————

Che cosa succederà?

Informazioni su Susanna Raule

Psicologa e psicoterapeuta, è nata alla Spezia del 1981. Nel 2005 vince il Lucca Project Contest con il suo fumetto Ford Ravenstock – specialista in suicidi, per i disegni di Armando Rossi. In seguito Ford Ravenstock è finalista al Premio Micheluzzi. Lavora come sceneggiatrice per vari editori, nazionali e internazionali, su titoli come “Inside”, “Ford Ravenstock”, “Dampyr” e altri. Affianca a questa attività quella di traduttrice. Nel 2010 è tra i finalisti del premio Io Scrittore promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol con L’ombra del commissario Sensi, che esce nel 2011 per Salani. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo romanzo, Satanisti perbene – Un nuovo caso per il commissario Sensi, sempre per Salani, nel 2013 l’ebook Anatomia di uno statista, nel 2014 il romanzo Il Club dei Cantanti Morti e il graphic novel Inferno. Nel 2015 un nuovo romanzo con protagonista il commissario Sensi, per Salani, L’architettura segreta del mondo. Il suo sito è: sraule.blogspot.com

»

  1. gh7 scrive:

    Un’obiezione.
    Jodie Foster, doppiata da cani come sempre sono doppiati gli attori stranieri in Italia, direbbe senz’altro: “Dio, è imbarazzante”. Non immagino tuttavia nessuna ragazza italiana che usi la divinità come interiezione – e neppure come bestemmia, se non in un contesto socio-culturale molto più basso di quello raccontato finora. Non si può rimediare?

  2. sraule scrive:

    Oh, Dio, non saprei.
    Non mi ero mai posta il problema, che è interessante. Io uso “Dio” e “Santo Cielo” come interiezioni abituali, però in effetti sono un po’ strana (ovviamente uso anche “cazzo” come tutti gli altri).
    Si potrebbe sostituire “Dio” con un’altra parola meno gentile, non so.
    Io l’ho usato fondamentalmente per rendere i vari “oh my God” e “oh gods” comunissimi britannici. Ci penserò seriamente su.

  3. gh7 scrive:

    Sono dettagli pelosissimi (quale dettaglio non lo è), ma è in questi che, secondo Aby Warburg o altri del genere si nasconde appunto Dio. Credo che tu possa trovare qualche interiezione di uso altrettanto comune e più verosimile in italiano.
    Intanto, l’atmosfera si sta intorbidendo bene.

  4. sraule scrive:

    ci proverò. per il momento sei nominato consulente linguistico. siine degno 🙂

  5. gh7 scrive:

    Non sono linguista (questo commento, nel contesto dato, è di una doppiezza quasi intollerabile). Cercherò tuttavia di stare all’altezza dell’ineffabile Claire, la donna che ogni uomo vorrebbe incontrare, e poi abbandonare dopo averla sdrucita per bene.

  6. sraule scrive:

    ho l’impressione che tenda a sdrucirsi anche da sola. non potrei davvero promettere di farla arrivare sana di mente alla fine del racconto…

  7. gh7 scrive:

    Deve arrivarci e lo sdrucimento cui facevo cenno era di tutt’altro genere (gli uomini, che mascalzoni!)

  8. sraule scrive:

    povero giovane… così innocente… ti sembrerà strano ma anche noi vili femmine ogni tanto riusciamo a capire i sottesi 🙂

  9. utente anonimo scrive:

    Volano gli anni rapidi
    del caro viver mio
    e giunta sul pendìo
    precipita l’età
    (cioè: altro che giovane, altro).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...